Capelli scuri e sangue del Sud, dna svela vichinghi mai visti. Nuovi identikit tracciati grazie al più grande studio genetico

Capelli scuri e sangue del Sud, dna svela vichinghi mai visti. Nuovi identikit tracciati grazie al più grande studio genetico
Non solo biondi e scandinavi: molti Vichinghi avevano capelli scuri e perfino sangue del sud Europa. A svelare i loro sorprendenti identikit è il più grande studio genetico mai realizzato su questo antico popolo, condotto analizzando oltre 400 scheletri provenienti da siti archeologici di tutta Europa e dalla Groenlandia. 

I risultati, che promettono di riscrivere molte pagine dei libri di storia, sono pubblicati sulla rivista Nature dal team del genetista evoluzionista danese Eske Willerslev, che lavora tra l’Università di Cambridge e quella di Copenhagen. Allo studio partecipa anche l’Italia con l’Università di Foggia e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Barletta, Andria, Trani e Foggia. «La Puglia è stata coinvolta per valutare la possibilità di verificare il riverbero del patrimonio genetico vichingo nei Normanni dell’Italia Meridionale, che sono storicamente una popolazione di discendenza vichinga», spiega l’archeologo Pasquale Favia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright L'alba News

Commenti (0)

Lascia il tuo commento

Dove si trova il colosseo di Roma?