Video: Cinema muto, il primo cortometraggio in Egitto “Barsum sta cercando un lavoro”

Video:  Cinema muto, il primo cortometraggio in Egitto “Barsum sta cercando un lavoro”
Il cinema egiziano è attivo sin dall’epoca dei fratelli Lumière. I primi filmati risalgono al 1897 e sono stati realizzati in Alessandria d’Egitto. La prima (cinematografia) per “Lumiere” fu aperta proprio ad Alessandria a metà gennaio 1897. E ottenne la concessione “Henri Dello Strologo” dove allestì un ampio sito per piazzare le sue macchine, e si stabilì nella zona tra la Borsa Tosono e il Teatro Alhambra, arrivò anche il primo fotografo per la Casa di Lumiere “Promio” che riuscì a fotografare “Piazza dei Consoli” ad Alessandria e Piazza Muhammad Ali ... e questa è la prima fotografia di alcune scene egiziane che sono state mostrate al Cinema Lumiere.
Questi brevi esperimenti incontrano subito la curiosità del ceto popolare incoraggiando gli operatori a produrre nuove pellicole fino a porre le basi per la nascita di una vera industria cinematografica. Nei primi anni del novecento si sviluppa il cinema muto, nel 1917, quando il regista Mohamed Karim fondò e presentò una società per realizzare film ad Alessandria con soci italiani, questa società fu in grado di produrre due pellicole, “Fiori morti” e “Sharaf Al-Badawi”, che furono proiettati ad Alessandria all’inizio del 1918. Nel 1922 apparve un film prodotto e rappresentato da “Fawzi Muneeb”. Si compone di due capitoli chiamati “La zia americana”. E nel 1923 venne realizzato il primo cortometraggio muto completamente girato, diretto, e prodotto da egiziani “Barsum sta cercando un lavoro” del pioniere del cinema egiziano Muhammad Bayyumi del 1923.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright L'alba News

Commenti (0)

Lascia il tuo commento

20 - 5 =