Tunisia: in scadenza sequestro in Svizzera dei beni dell’ex presidente Ben Ali

Tunisia: in scadenza sequestro in Svizzera dei beni dell’ex presidente Ben Ali
Il governo svizzero ha annunciato che i termini massimi del sequestro preventivo dei beni e dei titoli dell’ex presidente Zine El Abidine Ben Ali scadranno a gennaio 2021. Nel gennaio 2011, la Svizzera aveva infatti «congelato» circa 60 milioni di franchi svizzeri di beni posseduti da Ben Ali e dalla sua famiglia. «Per ripristinare i beni in sequestro preventivo in base ad un accordo di mutua assistenza, la Tunisia deve dimostrare di aver emesso sentenze definitive ed esecutive, ordinando la confisca dei beni giacenti in Svizzera e dimostrando un legame tra questi beni e l’esistenza di un reato penale», si legge sul sito Swissinfo. 
«Una proroga è possibile se il paese interessato mostra la sua disponibilità a cooperare nel quadro dell’assistenza giudiziaria reciproca». Il blocco dei beni è stato prorogato più volte, tuttavia, i procedimenti legali in corso contro Ben Ali e il suo clan non sono stati ancora tutti definiti. A tal fine, il Consiglio federale ha più volte espresso la necessità che queste sentenze stabiliscano se i beni congelati siano di origine illecita. La scadenza del termine massimo del provvedimento di sequestro preventivo non ha effetto su altri sequestri di beni emessi dalle autorità giudiziarie nell’ambito di procedimenti penali e di «assistenza giudiziaria in corso», si legge in un comunicato del Consiglio federale svizzero.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright L'alba News

Commenti (0)

Lascia il tuo commento

1 + 1 + 2 + 6 =