La Grecia potenzia l’Esercito e acquista mezzi francesi

La Grecia potenzia l’Esercito e acquista mezzi francesi
Il primo ministro della Grecia, Kyriakos Mitsotakis, ha annunciato, il 12 settembre, un sostanzioso programma di acquisto di armi e mezzi militari e una generale riorganizzazione dell’esercito nazionale, nel bel mezzo di crescenti tensioni con la Turchia nel Mediterraneo Orientale. 
Durante un discorso tenuto dalla Fiera Internazionale di Salonicco, Mitsotakis ha affermato che è giunto il momento di potenziare le forze armate nell’ambito di un vigoroso programma che fungerà da scudo nazionale. La Grecia acquisterà diciotto jet francesi di tipo Rafale, quattro fregate multi-missione e quattro elicotteri Romeo per la Marina, oltre a questo, nei prossimi cinque anni recluterà 15.000 nuovi soldati e investirà nell’industria bellica nazionale e nella difesa dagli attacchi informatici. Il primo ministro greco ha rassicurato che nell’ambito della riorganizzazione militare saranno garantite nuovi armi anticarro per l’Esercito, siluri per la Marina e missili aerei per l’Aviazione. Parlando della Turchia, Mitsotakis ha poi affermato che il Paese rappresenta una minaccia per il confine orientale dell’Europa e per la sicurezza internazionale.
Alcuni ritengono che il programma di Mitsotakis sia stato il frutto di un incontro avuto con il presidente francese, Emmanuel Macron, il 9 settembre scorso, in Corsica, in occasione dell’incontro dei Paesi del MED7, ovvero Francia, Italia, Spagna, Portogallo, Grecia, Malta e Cipro. Parigi ha risolutamente appoggiato Atene, ma anche Nicosia, nel corso dello sviluppo delle crescenti tensioni con Ankara nel Mediterraneo Orientale. La Francia ha lanciato vari messaggi alla Turchia, inviando, ad esempio,  navi da guerra nell’area e conducendovi esercitazioni. Già dal 28 agosto, il presidente francese, Emmanuel Macron, aveva sostenuto di aver posto una “linea rossa” alle azioni turche nel Mediterraneo e aveva promesso fatti e non solo parole. Dopo che i Paesi del vertice MED7 avevano annunciato che sosterranno sanzioni contro la Turchia, da discutere in sede di Consiglio Europeo i prossimi 24 e 25 settembre, se Ankara si rifiuterà di aprire un dialogo pacifico sulla questione del Mediterraneo orientale, il capo dell’Eliseo aveva aggiunto che l’Europa deve essere chiara e risoluta con il governo turco. 
Sempre il 12 settembre, il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, ha quindi rivolto un avvertimento alla Francia affermando: “Avrete molti problemi con il sottoscritto. Non scherzate con il popolo turco. Non scherzate con la Turchia”. Il capo di Stato turco ha poi aggiunto che la Francia non ha alcun diritto di criticare il proprio Paese alla luce del suo passato coloniale.
Le tensioni nel Mediterraneo Orientale sono aumentate da quando, lo scorso 10 agosto, Ankara ha avviato esplorazioni energetiche della sua nave da ricerca sismica, Oruc Reis, accompagnata da due navi da guerra ausiliarie, al largo dell’isola greca di Kastellorizo, in una zona in cui le rivendicazioni di sovranità greche e turche si sovrappongono. La Grecia aveva da subito messo in allerta le proprie forze di sicurezza e i mezzi della Marina che avevano iniziato a seguire la Oruc Reis. Il successivo 14 agosto, si era verificata una mini-collisione tra navi da guerra turche e greche durante i loro spostamenti. In tale contesto, la Francia aveva deciso, il 13 agosto, di aumentare la propria presenza militare nella zona, inviando due caccia Rafale e la fregata navale Lafayette.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright L'alba News

Commenti (0)

Lascia il tuo commento

4 + 6 - 6 =