Colloquio Conte- Sisi su relazione Italia-Egitto

Colloquio Conte- Sisi su relazione Italia-Egitto
Il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi ha avuto un colloquio telefonico con il premier Giuseppe Conte nel quale si sono discusse «le relazioni militari ed economiche fra i due Paesi»: lo scrive la pagina Facebook del portavoce della presidenza egiziana, Bassam Radi, precisando che «Sisi ha ricevuto una chiamata telefonica» da Conte.
Il post riferisce che il colloquio ha riguardato fra l'altro la «questione libica», la lotta al terrorismo e il caso di Giulio Regeni.
«Il portavoce della Presidenza ha riferito che il colloquio ha riguardato alcuni temi legati alle relazioni bilaterali fra i due Paesi, in particolare quelli militari ed economici, come anche lo scambio di punti di vista su una serie di dossier regionali di comune interesse, primi fra i quali in particolare gli sviluppi nel Mediterraneo orientale e l'aggiornamento sulla situazione in Libia», è scritto nel post. «Il presidente ha elogiato le relazioni
privilegiate fra i due Paesi in varie sfere politiche, militari ed economiche, assieme alla cooperazione per affrontare molte sfide nella regione del Mediterraneo orientale, specialmente la lotta contro l'estremismo e il terrorismo», viene aggiunto.
Sisi ha affermato «l'importanza che l' Egitto attribuisce allo sviluppo dei differenti comparti della cooperazione comune tra l' Egitto e l'Italia, al coordinamento e alla consultazione sulle diverse questioni regionali», riferisce ancora il post.
 «La chiamata ha riguardato ugualmente un serie di temi legati alle relazioni bilaterali strategiche fra i due Paesi e il loro sviluppo in diversi campi, in particolare militare, di sicurezza, economico e in quello dell'energia», viene aggiunto. I due leder «hanno passato in rassegna ugualmente gli ultimi sviluppi della cooperazione comune fra le due parti sulle inchieste in corso nel caso dello studente italiano Giulio Regeni», si è limitato a riferire il portavoce su questo tema in chiusura del comunicato. La nota riferisce inoltre che, «dal canto suo, il primo ministro italiano ha espresso il desiderio del proprio Paese a continuare a rafforzare le relazioni bilaterali, in particolare commerciali, militari e d'investimento, come anche a coordinare e consultare intensamente l' Egitto sullo sviluppo delle questioni regionali e i mezzi per risolvere le crisi nel Mediterraneo orientale e in Medio Oriente».

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright L'alba News

Commenti (0)

Lascia il tuo commento

4 + 6 - 6 =