Vietata dal Viminale la presentazione del libro-film di ‘Lady Vallanzasca’

Vietata dal Viminale la presentazione del libro-film di ‘Lady Vallanzasca’
Il duo era ‘interessante’. Da un lato Antonella D’Agosto, la scrittrice, ex moglie di Renato Vallanzasca e amica di penna del capoclan Augusto La Torre. Dall’altro il produttore, il nipote del boss dei Casalesi Antonio Bardellino. E l’accoppiata aveva ‘partorito’ un film tratto dal libro ‘La Casalese – Operazione Spartacus’, scritto dalla D’Agostino.
Ma il Viminale ha bloccato la loro presentazione. A commentare la scelta del ministero degli Interni è stato Nicola Morra. “La libertà di espressione è una cosa, dare spazio a messaggi che avvicinano, anziché allontanarli, i cittadini alla cultura mafiosa è un’altra. Ma se si deve intervenire in modo censorio, questo è perché per decenni si è di fatto permesso di credere che la cultura mafiosa fosse ammissibile, anzi la migliore. In un paese libero – ha scritto su Facebook il presidente della Commissione antimafia – la censura non interverrebbe ad impedire la presentazione di un libro di tal fatta semplicemente perché nessuno sarebbe interessato a scriverlo od a leggerlo… e dunque a pubblicarlo”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright L'alba News

Commenti (0)

Lascia il tuo commento

1 + 40 - 15 +7 =