Scoperta tomba gentilizia di età picena del VI sec a.c. a Sirolo

Scoperta tomba gentilizia di età picena del VI sec a.c. a Sirolo
Nuove scoperte archeologiche a Sirolo (Ancona), dove è stata rinvenuta una tomba gentilizia di età picena durante recenti indagini di archeologia preventiva eseguiti dalla Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio delle Marche, in accordo con l’amministrazione comunale. Le indagini - dirette dall’archeologo Stefano Finocchi e condotte dalla cooperativa ArcheoLab - sono state effettuate in un terreno di proprietà comunale, non distante dalla necropoli «dei Pini» e dalla cosiddetta «Tomba della Regina», ed erano finalizzate a verificare eventuali interferenze di natura archeologica, in vista di un cambiamento di destinazione d’uso del terreno. Gli scavi hanno portato alla luce una sepoltura a inumazione della seconda metà del VI secolo a.C. che ospita un guerriero armato di elmo, lancia, spada lunga, pugnale con il suo fodero e ascia. Guerriero sepolto assieme a un ricco corredo ceramico e bronzeo, oltre alle caratteristiche fibule - in bronzo, ambra e osso - collocate sul petto. La presenza di almeno due spiedi e di alcuni altri strumenti in ferro per la cottura delle carni, sono importanti riferimenti per la pratica del banchetto, viene spiegato dalla Soprintendenza. La tomba - aggiungono gli archeologi - è a inumazione in fossa rettangolare, il defunto è deposto in posizione rannicchiata sul fianco destro e l’ampio corredo di accompagnamento è disposto oltre i piedi, dove è raccolta la maggior parte dei reperti ceramici. «Dalla disposizione delle fibule possiamo ipotizzare che il defunto fosse avvolto da una veste e poi deposto sul fondo della fossa o meglio all’interno della cassa, al di sopra di uno strato di ghiaia, probabilmente marina: rituale questo non esclusivo dell’area del Conero e che caratterizza l’età picena fin dai momenti iniziali». 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright L'alba News

Commenti (0)

Lascia il tuo commento

5 + 6 - 2 + 1 =