Egitto: inaugurata la fortezza Shali a Siwa dopo il restauro

Egitto: inaugurata la fortezza Shali a Siwa dopo il restauro
Il governo egiziano ha inaugurato ufficialmente la fortezza di Shali nell'oasi di Siwa dopo il suo restauro finanziato dall’Unione europea. Lo riferisce un comunicato stampa congiunto dei ministeri egiziani del Turismo e della cooperazione internazionale.
L'inaugurazione è avvenuta alla presenza dei ministri del Turismo egiziano Khaled al Anani, della Cooperazione internazionale Rania al Mashat, dell'ambiente Yasmine Fouad e del neo-nominato ambasciatore dell'Ue in Egitto Christian Berger.
Il progetto è stato sviluppato nell'ambito del "The Revival of the Shali Fortress in the Siwa Oasis Initiative", finanziato dall'Ue e cofinanziato, progettato e implementato da Environmental Quality International for Small and Medium Enterprise Development (Eqi-Sme). L'evento ha visto anche la partecipazione di ambasciatori e addetti culturali in rappresentanza di Angola, Australia, Belgio, Brasile, Cile, Colombia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Giappone, Giordania, Lettonia, Nuova Zelanda, Polonia, Portogallo, Spagna, Svezia, Tailandia e gli Stati Uniti d'America.
Il piano di restauro è stato avviato per far rivivere, ripristinare e conservare il sito archeologico di Shali risalente al tredicesimo secolo. Situato nel centro della moderna Siwa, alcuni edifici della fortezza sono ancora in uso, ma a causa della loro costruzione di sale, fango, roccia e intonaco cadono sempre più in rovina ogni anno. Il sito subì gravi danni nel 1926 a causa di una rara tempesta di pioggia che sciolse di fatto diverse parti delle abitazioni fino ad allora perfettamente intatte e abitate.
Secondo quanto riferisce la nota del ministero congiunto del Turismo e della Cooperazione internazionale, l'iniziativa stimolerà anche l'economia di Siwa migliorando la sua posizione internazionale come destinazione principale dell'ecoturismo.

"Il riconoscimento che siamo davvero tutt'uno con il nostro patrimonio culturale e naturale e l'uno con l'altro, indipendentemente da chi o dove siamo, è un buon modo per riconfigurare il nostro futuro comune; il Programma di sviluppo sostenibile di Siwa riguarda questa opportunità, "ha sottolineato il ministro del Turismo Khaled al Anani. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright L'alba News

Commenti (0)

Lascia il tuo commento

10 - 3 =